top of page

Una breve storia

Left hand. 4-11-17_edited_edited.jpg

Avevo 13 anni crescendo a Guayaquil, in Ecuador, quando ho iniziato a suonare la chitarra. La chitarra con corde di nylon è uno strumento molto popolare in America Latina, ma per qualche ragione, fino a quel momento della mia vita, lo strumento non aveva attirato così tanto la mia attenzione. Il momento decisivo è arrivato quando io e la chitarra abbiamo incrociato le nostre strade ed è iniziata una relazione eterna. È successo per caso. Un giorno sono tornato a casa da scuola e ho visto mia madre prendere lezioni da una signora che aveva contattato per le lezioni. Ho chiesto se potevo sedermi e ascoltare la classe. Ho attentamente e silenziosamente prestato attenzione alla spiegazione che la signora stava dando a mia madre su come tenere la chitarra e come posizionare le dita della mano sinistra sulle corde sopra la tastiera. Le stava spiegando come suonare qualcosa che si chiamava accordo. La signora non sapeva leggere la musica né aveva una buona tecnica di chitarra classica, ma qualunque cosa stesse spiegando a mia madre insieme al suo modo di suonare suonava intrigante per le mie orecchie. Ho chiesto a mia madre se potevo anche prendere lezioni e lei ha detto di sì. Sfortunatamente, non ricordo il nome della signora, ma sono grata per i consigli di gioco che mi ha insegnato. Ho ammirato gli sforzi di mia madre nel tentativo di imparare a suonare la chitarra. Probabilmente non l'avrei imparato io stesso se non fosse stata per la sua iniziativa di prendere le lezioni. Purtroppo, alcuni mesi dopo, dopo aver smesso di prendere lezioni e di giocare, ha detto di aver dimenticato tutto ciò che aveva imparato.

Fu da qualche parte in quel periodo che i Beatles e The Rolling Stones stavano diventando un fenomeno mondiale. Le rock band hanno iniziato a spuntare ovunque. Le donne hanno anche avuto l'insetto per la musica rock e sono diventate interpreti di spicco nelle proprie band. Dicono che Grace Slick dei Jefferson Airplane e Janis Joplin abbia tracciato la strada per Patty Smith, Bonnie Raitt, Joan Jett e tutte le rocker che sono venute dopo. All'inizio degli anni Sessanta, migliaia di ragazzi e ragazze in tutto il mondo decisero di imparare la chitarra per poter suonare le canzoni dei loro gruppi e cantanti preferiti. Naturalmente, tutti volevano suonare la chitarra elettrica. L'obiettivo finale del processo di apprendimento era quello di mettere insieme una rock band. 

Sono stato membro di molti di loro: Pajaros de Fuego (Firebirds) (Robbie Garcia/cantante, Alberto Vallarino (RIP)/tastiere, Roberto Vallarino (RIP))/basso, Fernando Rodriguez/batteria, Francisco Burgos/chitarra The Corvettes (stessi membri), The Chevelles (Kiko Andrade/cantante, Glen Rumbea (RIP)/Basso, Ricardo Rivera/Batteria, Francisco Burgos/Chitarra Per qualche strana ragione che non riesco a capire, scegliamo sempre i nomi dei modelli di auto!!! 

Negli anni Sessanta, la musica rock stava ottenendo una nuova svolta nel modo in cui veniva scritta ed eseguita. Più accordi e armonie sono stati incorporati nelle canzoni insieme a melodie e testi insoliti. Anche il codice di abbigliamento e le acconciature si stavano evolvendo insieme a molti cambiamenti sociali. La guerra del Vietnam era in corso e il movimento per i diritti civili stava guadagnando slancio.

The Beatles
The Beatles
press to zoom
The Rolling Stones
The Rolling Stones
press to zoom
Chevelles
Chevelles
press to zoom
The Corvettes
The Corvettes
press to zoom
Sixties fashion
Sixties fashion
press to zoom
Marianne Faithfull
Marianne Faithfull
press to zoom

Sebbene entrambi, Beatles e Stones, suonassero la chitarra elettrica, avevano anche molte composizioni in cui venivano utilizzate corde d'acciaio o chitarre con corde di nylon. Canzoni come “And I love her”“’ Till There Was You (Written by Meredith Willson), "I'veJust Seen a Face”,  sono solo tre delle prime canzoni dei Beatles in cui erano presenti chitarre con corde in nylon e acciaio acustico. Non possiamo dimenticare il contributo del musicista/produttore discografico George Martin  al successo dei Beatles come band con il suo coinvolgimento come ingegneria del suono nelle registrazioni. Un musicista di formazione classica che ha contribuito con le sue conoscenze musicali a plasmare il prodotto finito delle registrazioni. 

I Rolling Stones erano (e sono tuttora) una band affascinante che mi piaceva ascoltare. Mi piacciono ancora le loro canzoni precedenti: “As Tears Go By”, “Sittin' on a Fence”“My Sweet Lady Jane”.. Queste tre canzoni utilizzavano anche la chitarra acustica. È stato grazie ai Rolling Stones e all'influenza del Blues nella loro musica che ho iniziato ad ascoltare anche chitarristi blues come BBKing e Freddie King . Entrambi i Kings erano il mio punto di riferimento in quel momento quando si trattava di quello stile musicale.

Tutti gli altri ragazzi del quartiere che suonavano la chitarra hanno imparato a conoscere la scala pentatonica minore. È una scala che utilizza cinque note 1, 3, 4, 5 e 7 della scala minore naturale. Nelle nostre improvvisazioni suonavamo a morte la scala pentatonica! Proprio come faceva ogni chitarrista adolescente a quel tempo e probabilmente lo fa ancora oggi. Aggiungerò però, per il bene del lettore con una mentalità musicale, che alla fine abbiamo imparato altre scale e ci siamo impegnati ad ascoltare i chitarristi blues un po' più da vicino e abbiamo imparato le sfumature dello stile un po' meglio.

Band latine come Los Iracundos (soft rock dell'Uruguay) erano molto popolari tra gli adolescenti in quel momento in America Latina. Due delle loro canzoni "Es la lluvia que cae" (È la pioggia che cade)  e "Se que no volveras"  (Perché so che non tornerai) è diventato un successo in tutto il mondo di lingua spagnola nelle Americhe,  ma la musica rock in inglese era una forza forte che non poteva essere fermata. Quindi abbiamo suonato e cantato in inglese e spagnolo. Anche la musica del suonatore di sitar indiano Ravi Shankar stava plasmando i suoni del rock. I Beatles così come gli Stones hanno sperimentato quello strumento dal suono esotico e bellissimo che è diventato una parte importante dell'era della musica "Summer of Love".

The Beatles at the recording studio
The Beatles at the recording studio
press to zoom
B.B.King
B.B.King
press to zoom
Iracundos
Iracundos
press to zoom
Ravi Shankar
Ravi Shankar
press to zoom

Anche il folk-rock e la musica folk erano un'altra forte forza in quei giorni. Quando ho sentito quella di Paul Simon stile fingerpicking sulle canzoni, scritte da lui e cantate insieme ad Art Garfunkel (Simon e Garfunkel) , mi sono sentito come se una calamita gigante mi avesse attirato verso quello stile. Il modo di suonare la chitarra di Paul Simon è stata una rivelazione. In qualche modo una copia del primo album che hanno fatto "Wednesday Morning, 3 am" è atterrata sul mio giradischi mentre vivevo in Ecuador. Da allora ascolto le canzoni che c'erano in quell'LP e non mi sono mai stancato di loro né di nessuna delle altre registrazioni che hanno fatto in duo. Conoscevo ogni canzone a memoria. La prima volta che sono arrivato a New York City nel 1969, mi sono diretto direttamente all'East Village. Avevo bisogno di andare a Bleecker Street (“…Fog’s rollin’ in off the East Riverbank….like a shroud it covers Bleecker Street”) Avevo bisogno di fare una passeggiata verso l'East River e respirare l'aria santa che pensavo solo che strada aveva. Volevo sentire la magia che Paul Simon ha descritto in quella canzone con lo stesso nome della strada. Inutile dire che mi  Feeling groovy!

Tra le tante canzoni che Paul Simon scrisse durante i suoi primi anni ,“Kathy’s song” era una delle mie preferite. Fu scritto mentre erano a Londra ed era dedicato a Kathy, la sua amata in quel momento. Mi piace molto questa canzone. Il modo di suonare la chitarra è delicato, semplice e bello. I testi sono poetici e la melodia aiuta a migliorare la poesia dei testi o è il contrario? Ho dovuto imparare a suonare quella canzone nel momento in cui l'ho ascoltata. Non ha perso un po' del suo potere poetico nel corso degli anni.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom

Ho sempre avuto un'attrazione personale per il tono dolce prodotto dalla chitarra con corde di nylon e dalle chitarre acustiche. Ad essere onesti, mi piace anche la chitarra elettrica, ma il mio interesse per la chitarra acustica e classica con corde di nylon è sempre stato forte. Mentre vivevo a New York è avvenuto un nuovo cambiamento nel mio gusto musicale o dovrei dire che ho aggiunto al menu uno stile/piatto musicale complesso. Ho sentito che Andres Segovia suona . Ricordo di aver comprato una delle sue registrazioni di LP. Ricordo vividamente che era esposto nella vetrina di un negozio di musica in cui passavo ogni giorno mentre andavo alla stazione della metropolitana. Avevo sentito dire che era uno dei grandi chitarristi classici (ce n'era in giro un altro famoso come lui?) Ero curioso di ascoltare la registrazione e provare a farmi un'opinione personale. Appena ho avuto qualche dollaro in tasca ho comprato l'LP. È stato un saggio investimento finanziario.

 

Il contenuto musicale dell'LP mi ha lasciato senza parole.  Passavo ore con l'orecchio vicino al giradischi e la mia chitarra in mano, cercando di imparare a orecchio alcuni dei pezzi che stava suonando in quell'LP. Presto ho capito che non c'era modo di imparare questi pezzi a orecchio. Tra i brani dell'LP c'erano Pavanas di Milano, Mallorca di Albeniz , Variations e Fugue on a Theme of Handel di Harris e molte altre bellissime opere musicali di compositori di cui non avevo mai sentito parlare.

 

L'espressività del modo di suonare di Segovia e il suo virtuosismo tecnico hanno portato alle mie orecchie un paesaggio di suoni che non potevo credere che provenissero da una chitarra con corde di nylon. Il modo in cui ha espresso la musica mi ha aperto una porta che mi ha mostrato che c'era un modo per comunicare idee musicali suonando questo strumento “semplice” che si è rivelato capace di un'enorme complessità musicale. Non riuscivo a capire come una persona potesse far suonare una chitarra come un'intera orchestra. Mi sono innamorato della musica di Bach, Ponce, Villalobos e di molti altri compositori che fino ad allora non sapevo esistessero. Forse Bach era l'unico nome che ho riconosciuto. Ho scoperto che c'erano molti compositori che avevano scritto musica per chitarra su richiesta di Segovia. Alcuni di loro erano chitarristi e altri come Mario Castelnuovo Tedesco e Joaquin Rodrigo erano pianisti/compositori. Rodrigo e Castelnuovo Tedesco hanno scritto due dei più apprezzati Concerti per chitarra e orchestra di sempre. Il Concierto de Aranjuez e il Concerto in re maggiore per chitarra e orchestra.

Ascoltare il modo di suonare di Segovia mi ha dato la motivazione per prendere sul serio lo studio della chitarra e iniziare a pensare a una carriera professionale nella musica. C'erano troppi dettagli musicali e tecnici che non riuscivo a capire come fare da solo. Quindi il passo logico successivo è stato cercare un insegnante con esperienza nella tecnica della chitarra classica. mi serviva subito un insegnante!!  Se non sbaglio avevo bisogno di qualcuno quello stesso giorno. Scesi le scale e presi le copie del New York Times e di The Village Voice per cercare un insegnante. Ho trovato un insegnante che aveva uno studio nell'edificio della Carnegie Hall . Eccellente!! Un chitarrista classico che aveva uno studio nello stesso edificio dove si svolgono alcuni dei più grandi concerti!  sono stato venduto! Ho iniziato subito le lezioni private con Elena Valdi. Era una chitarrista e insegnante meravigliosa. Mi piaceva andare alle sue lezioni. Ricordo che salivo le scale del rispettoso edificio due gradini alla volta (di fretta di non fare tardi in classe) e incontravo durante la salita o la discesa una sfilata di persone che trasportavano clarinetti, violini, violoncelli, trombe , e molti altri strumenti. C'era un'energia artistica che potevi sentire all'interno di quell'edificio. Eravamo tutti legati dalla musica. Sulla strada per lo studio di Elena, passavo davanti a molti altri studi dove venivano insegnati diversi strumenti e lezioni di canto. Il suono che usciva da quelle stanze era fonte di ispirazione. Central Park era a pochi isolati di distanza e le lezioni della domenica mattina durante i mesi invernali a New York hanno aggiunto un tocco magico all'esperienza. La Joseph Patelson Music House era dall'altra parte della strada. Era una tappa obbligatoria dopo la lezione per andare in quel negozio e sfogliare i contenitori che contenevano spartiti per vedere cosa c'era di nuovo.

press to zoom
press to zoom

Anche il liutaio Juan Orozco aveva il suo negozio dall'altra parte della strada. Moondog era in piedi sulla 6th Avenue dalla fine degli anni '40, non troppo lontano dalla Carnegie Hall con indosso il suo vestito vichingo. Pochissime persone sapevano che era un compositore rispettato. Infine,  Philip Glass lo ha invitato a dirigere la sua musica (Moondog's) con la Brooklyn Philarmonic Chamber Orchestra. Tutto sembrava ed era perfetto!  Non mi è mai venuto in mente che anni dopo avrei tenuto il mio concerto di debutto alla Carnegie Recital Hall di New York City e ho ricevuto una meravigliosa recensione dal critico del New York Times Peter G. Davies. Dopo i miei 2 anni trascorsi a New York e dopo aver preso lezioni per diversi mesi con Elena, ho deciso di conseguire una laurea in musica. Ho avuto l'opportunità di andare in Spagna nel 1971 per studiare con Demetrio Ballesteros al Royal Conservatory of Music di Madrid, in Spagna. Scriverò un'altra volta della mia esperienza spagnola. Anche quello è stato un viaggio interessante, ma New York City avrà sempre un posto speciale nella mia vita.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
bottom of page